In particolare nei periodi estivi sappiamo che idratarsi correttamente è fondamentale per la salute, il benessere e le prestazioni. Questo perché l'acqua è un nutriente essenziale per la vita e l'idratazione svolge un ruolo fondamentale nella fisiologia umana.

Indice dei contenuti:

- Il ruolo chiave dell'acqua
- Cos'è il bilancio idrico
- Idratazione e attività fisica: la termodispersione
- La corretta idratazione: prima, dopo e durante l'allenamento
- Idratazione e sport: quanto bisogna bere?
- Cosa deve bere uno sportivo: acqua e bevande sportive

 

Acqua e idratazione nello sport


Il ruolo chiave dell'acqua 

L’acqua è il componente principale del nostro organismo (costituisce circa il 60-70% del nostro peso). Essa rappresenta un veicolo molto importante per il trasporto di varie sostanze nel nostro organismo e in associazione con diverse proteine funge da “lubrificante” nelle articolazioni e nei tessuti. 

Inoltre, l'acqua ha una funzione termoregolatrice importantissima che permette di mantenere stabile la temperatura corporea, aumentando o riducendo la sudorazione, durante variazioni climatiche ambientali o durante l'aumento di temperatura interno provocato dall'attività fisica. Infine permette il mantenimento del ph (equilibrio tra sostanze acide e basiche) dei vari distretti.

Siamo composti per circa il 60% da acqua che viene continuamente persa e reintegrata dall’esterno. L’essenzialità dell’acqua nelle reazioni biochimiche la rende indispensabile e quindi si può intuire perché mantenere un corretto bilancio idrico, ovvero il rapporto tra entrate e uscite, risulta così importante.

 

idratazione per lo sport gjav


Cos'è il bilancio idrico

L’assunzione di acqua comprende circa il 20% di contributo di acqua da cibi solidi e l'80% di contributo di acqua da bevande e acqua potabile. Ma vi è anche una minima percentuale prodotta dal metabolismo dei macronutrienti (acqua endogena) che varia da 250-350ml al giorno per le persone sedentarie a 600ml per gli sportivi.

Questa maggior produzione di acqua endogena è dovuta a una maggior trasformazione di substrati a scopo energetico con produzione quindi di acqua e anidride carbonica. La perdita d'acqua consiste principalmente nell'escrezione di acqua nelle urine, feci, evaporazione (cute, muscose e polmoni) e sudore.

 

Scopri il nostri servizio gratuito ESPERTO RISPONDE >>


Idratazione e attività fisica: la termodispersione

Numerosi fattori determinano l'entità della perdita di sudore che si verifica durante l'esercizio. Sebbene si osservi una grande variabilità interindividuale, i fattori principali sono:

  • il peso corporeo: un elevata massa determina maggior produzione di urine e sudore;
  • la componente ambientale: in ambienti caldo-umidi sarà maggiore la produzione di sudore;
  • il carico di allenamento: più è intenso e duraturo l’allenamento maggiore sarà la sudorazione.

L'acqua corporea viene persa a causa della sudorazione e quando l'assunzione di liquidi è insufficiente per sostituire le perdite di sudore, si rischia ipoidratazione. Poiché l'evaporazione del sudore è la principale via di perdita di calore, durante l'esercizio fisico, le perdite di liquidi, negli atleti, possono essere significative. 

La prestazione fisica può essere già ridotta quando si perde dal 2% o più del peso corporeo a causa del sudore (2% significa una perdita di peso corporeo di 1,4 kg da un atleta di 70 kg). Se si considera che le percentuali di sudore medio sono riportate tra 0,5 e 2,0 L / ora durante l'esercizio e l'allenamento, dopo solo 60–90 minuti di esercizio fisico possono verificarsi cali di prestazione dovuti alla perdita d'acqua. Inoltre, la perdita di peso superiore al 4% del peso corporeo durante l'esercizio può portare a colpi di calore con conseguenze molto gravi.

La disidratazione determina un aumento della densità del sangue con conseguente affaticamento del sistema cardio circolatorio, maggior difficoltà a indirizzare i nutrienti del muscolo e riduzione dell’efficacia dello stimolo nervoso.

I deficit di acqua corporea, possono anche avere effetti negativi sull’umore, sulla funzione cognitiva e comporteranno anche un aumento della percezione soggettiva dello sforzo.


La corretta idratazione: prima, dopo e durante l'allenamento

È fondamentale che gli atleti adottino strategie per prevenire la disidratazione promuovendo livelli ottimali di idratazione assicurando un corretto apporto idrico pre, durante e post allenamento. 

Inoltre non bisogna dimenticare che il sudore è una soluzione acquosa salina, quindi composto prevalentemente da acqua, con piccole quantità di sali minerali, sodio (soprattutto), magnesio, potassio, calcio in quantità minore e tracce di altri oligoelementi. Quindi sudorazioni eccessive comportano anche perdita di elettroliti.

Il sudore è una soluzione ipotonica per quanto riguarda i fluidi corporei, ma il contenuto di soluti è influenzato da una serie di fattori ed è anche molto variabile tra gli individui.

 

Iscriviti per ricevere subito un regalo by GJAV!

 


Idratazione e sport: quanto bisogna bere?

È difficile definire un quantitativo standard di acqua da assumere giornalmente, in particolare per chi fa attività fisica, magari in condizioni di temperature elevate.

In generale per un uomo/donna adulto i LARN (Livelli di assunzione di riferimento per la popolazione italiana) consigliano circa 2L di acqua al giorno di cui la maggior quantità viene fornita dall'acqua stessa e la restante parte dall'acqua contenuta in alimenti. Questa potrebbe essere idealmente la base dalla quale partire.

Per mantenere l'equilibrio dei liquidi e prevenire la disidratazione, gli atleti devono pianificare in aggiunta anche di ingerire circa 0,5-2 litri/ora di fluidi per compensarne la perdita correlata alla sudorazione.

L’ACSM (American College of Sports Medicine) consiglia di bere circa tra 400 e 500ml prima di iniziare l’allenamento. Questo consentirà di arrivare già ben idratati.

Durante l’attività fisica è invece buona norma bere un piccolo quantitativo d’acqua ogni 15-20 minuti (circa 250-350ml). La nostra sensazione di sete può esserci d’aiuto per sport di breve durata e bassa intensità, ma per sforzi più intensi e duraturi non basta affidarsi alla sete. In questi casi l'atleta può non avvertire il senso di sete a causa di fattori psicologici (stress), e quando lo avverte significa probabilmente che è già disidratato.

Quindi è consigliata un'assunzione frequente come detto sopra, che corrisponde anche alla capacità di svuotamento gastrico, evitando sensazione di pesantezza dovuta all’eccesso di liquidi in poco tempo.
 
Dopo l’allenamento è importante continuare a idratarsi, per recuperare i liquidi persi attraverso la sudorazione e favorire il recupero.

Likeprotein! Gjav
LIKEPROTEIN! Integratore Vegan per sportivi con amminoacidi essenziali e sali alcalini.

 

 

 

 

 


Cosa deve bere uno sportivo: acqua e bevande sportive

È sufficiente bere acqua ed avere un’alimentazione ricca di frutta e verdura se l’attività svolta dal soggetto dura meno di un’ora e ha un’intensità relativamente bassa. 

In caso di attività fisica intensa e prolungata e con una durata maggiore di un’ora, può essere necessario rispristinare, oltre che ai liquidi persi, anche elettroliti (in particolare sodio) e zuccheri.

La scelta del tipo di acqua dipende dal soggetto, in generale sono sconsigliate acque minimamente mineralizzate (residuo fisso <50mg/l) perché significa che contengono pochi sali minerali e aumentano la diuresi, quindi disidraterebbero ulteriormente e determinerebbero un’eccessiva diluizione di sodio che può sfociare in iponatriemia (riduzione eccessiva della concentrazione di sodio nel sangue).

Sono invece consigliate acque oligominerali o mediamente mineralizzate in base al livello di sudorazione con un buon patrimonio di calcio, ferro, sodio, cloro e bicarbonato.

Gli atleti che partecipano a sessioni di allenamento che durano più di 1 ora o che includono intervalli intensi possono trarre beneficio dall'aggiunta di carboidrati o elettroliti (o entrambi) ai liquidi per la reidratazione (durante o post allenamento), per aiutare a mantenere la glicemia, l'ossidazione dei carboidrati e l'equilibrio elettrolitico. 

Per questo esistono poi in commercio numerose bevande sportive classificate in base alla quantità di soluti (osmolarità) rispetto a quelli contenuti nel plasma.

Guida integratori per vegani GJAV

 

 

 

 

 

La bevanda ideale per la rapida reidratazione con acqua e sali minerali dovrebbe essere il più simile possibile a ciò che perdiamo, ovvero il sudore, quindi per una reidratazione ottimale nello sport sono consigliate prevalentemente bevande ipotoniche (con una concentrazione di soluti inferiore a quella del plasma) o al massimo isotoniche e con un contenuto di zuccheri tra il 4 e l’’8%.

Sconsigliate invece bevande ipertoniche (più ricche di soluti) ritarderebbero l'assorbimento di liquidi a livello intestinale e rallenterebbero lo svuotamento gastrico causando problemi durante l’attività o comunque acque eccessivamente ricche in zuccheri che, anzichè cedere acqua all'intestino, la assorbirebbero aumentando la sete e lo stato di disidratazione. 

È sempre bene comunque anche per le bevande sportive valutare il reale fabbisogno, in quanto l'uso varia a seconda del tipo di disciplina e dell'impegno fisico.


BIBLIOGRAFIA

  • Nuccio RP, Barnes KA, Carter JM, Baker LB. Fluid Balance in Team Sport Athletes and the Effect of Hypohydration on Cognitive, Technical, and Physical Performance. Sports Med. 2017
  • Malisova O, Athanasatou A, Pepa A, et al. Water Intake and Hydration Indices in Healthy European Adults: The European Hydration Research Study (EHRS). Nutrients. 2016
  • Trangmar SJ, González-Alonso J. Heat, Hydration and the Human Brain, Heart and Skeletal Muscles. Sports Med. 2019;49(Suppl 1):69-85.
  • Kerksick, C.M., Wilborn, C.D., Roberts, M.D. et al. ISSN exercise & sports nutrition review update: research & recommendations. J Int Soc Sports Nutr 15, 38 (2018). 
  • Ronald J. Maughan, Phillip Watson, Susan M. Shirreffs, Implications of active lifestyles and environmental factors for water needs and consequences of failure to meet those needs, Nutrition Reviews, Volume 73, Issue suppl_2, 1 September 2015, Pages 130–140.

 

LEGGI ANCHE:
Integratori essenziali per la massa muscolare
A cosa servono gli integratori proteici?