Molti sportivi non sanno è che l'equilibrio acido-base è uno dei fattori più importanti per le prestazioni atletiche. Gli atleti nel macro-ciclo di fase di carico dell'allenamento sono duramente colpiti dall'acidosi tissutale, una condizione in cui il pH del corpo tende verso valori marcatamente acidi a causa dello stress dell'allenamento ma anche per via degli alimenti assunti per supportare la preparazione fisica.

Uno stato di acidosi diventa quindi causa e conseguenza delle ridotte capacità di recupero dell'atleta e non crea le condizioni per ottenere il massimo della forma fisica. Quando a questa situazione di over training (sovrallenamento) caratterizzata da un surplus di acido lattico, si combinano gli effetti acidificanti di alimenti ricchi di proteine animali (formaggi, carne e pesce etc) consumati dagli atleti con l'intento di ricostruire il muscolo si ottiene la tempesta perfetta di acidità.
integratori per lo sport alcalinizzanti integratori sportivi

Tutti gli organismi viventi sono estremamente sensibili al corretto rapporto acido-base. La regolazione del pH all’interno e all’esterno della cellula è essenziale per i processi enzimatici, per la struttura e la funzionalità delle proteine, la permeabilità delle membrane cellulari, la distribuzione degli elettroliti e l’integrità del tessuto connettivo. I meccanismi di regolazione di cui l’organismo dispone sono finemente predisposti. Antiacidi come il bicarbonato tamponano l’acidità fuori dalla cellula mentre al suo interno l’equilibrio è garantito da proteine e fosfati. Quando questi sistemi non sono più sufficienti – nel breve periodo – interviene la ventilazione polmonare con l’aumento del ritmo respiratorio in caso di acidosi e col suo rallentamento nell’alcalosi. Poi si attivano meccanismi renali che in caso di acidosi accelerano l’escrezione degli acidi, recuperano il bicarbonato e producono più ammoniaca. Ma sono soprattutto i minerali contenuti nelle ossa ad essere metabolizzati per tamponare l’eccesso di acidi.

Effetti dello squilibrio acido-base nell'atleta

Trà gli effetti negativi di uno squilibrio nell'equilibrio acido basico troviamo:

Scarsa energia e senso di affaticamento. Dovute alla carenza di ossigeno prodotta dall’acidosi. Questa condizione di anaerobiosi facilita inoltre la diffusione di parassiti, funghi, batteri e virus

Sovrappeso. Gli acidi vengono immagazzinati negli adipociti, di conseguenza l’acidosi cronica ne favorisce la formazione

Artrite e dolori articolari. Il calcio carbonato che si forma nel corso della sua azione tampone in ambiente acido viene depositato nelle articolazioni.

Tipicamente questa situazione, caratterizzata da uno sbilanciamento negativo del pH tissutale, definita in modo approssimativo come stress, o stanchezza, contrasta fortemente il miglioramento delle prestazioni atletiche e per contro determina disturbi al sonno, da uno stato di letargia mentale e fisica, sbilancia la curva glicemica e favorisce l'accumulo di grasso corporeo.

Sapere quali alimenti - e specificamente quali proteine - aiutano il ripristino dell'equilibrio acido-base del corpo non solo aiuterà a evitare tutti gli effetti negativi di acidosi, ma può determianre un miglioramento dei tempo di recupero e può contribuire a migliorare i livelli di energia (stamina).

quilibrio acido base e perfomance sportiva

La prestazione fisica e l'equilibrio del pH

Durante il periodo della preparazione atletica, gli atleti assumono più alimenti ricchi di proteine , ricchi di aminoacidi essenziali ed aminoacidi a catena ramificata, con lo scopo di migliorare il recupero muscolare, supportare la riparazione dei tessuti e stimolare la crescita della massa magra. Tuttavia uno dei fattori più importanti e determinanti per l'equilibrio omeostatico del corpo è appunto l'equilibrio acido-basico. Gli alimenti assunti direttamente contribuire alla acidità o alcalinità del corpo e una scelta consapevole degli alimenti assunti, diventa determinante per supportare il successo nella fase di preparazione atletica.

La digestione stessa di alimenti con contenuto netto di acido (urea, purine, pirimidine) determina quindi uno spostamento nell'equilibrio acido-base del corpo e per tanto quando si consumano troppi cibi acidificanti, in particolare, i cibi denaturati, altamente raffinati e prodotti alimentari trasformati, di conseguenza, si ha un l'impatto negativo sulla equilibrio del pH. L'assunzione in eccesso di alimenti acidificanti può portare a invecchiamento precoce attraverso la degenerazione cellulare. Non solo cibi denaturati crei immediatamente un ambiente acido nel vostro corpo a causa di composizione chimica, ma mantengono il loro apporto calorico pur essendo denaturato e sono più difficili da digerire ulteriormente contrastare recupero del corpo.

I principali alimenti che formano acido sono la carne, latticini (formaggi) , dolciumi e caffè, tra gli altri ma anche i dolcificanti artificiali, zuccheri modificati come sciroppo di fruttosio-glucosio (comunemente usato in bevande sportive commerciali), farmaci, conservanti industriali, coloranti e grassi idrogenati oltre che minerali inorganici (cloruri e carbonati) possono formare acido nel corpo.

Il ruolo delle proteine nell'equilibrio acido-base

Si tratta di un malinteso comune che tutte le proteine siano uguali. Mi riferisco agli effetti alcalinizzanti o acidificanti di una proteina sui nostri corpi.

Pur trascurando gli effetti delle proteine nell'equilibrio acido-base del pH, numerosi produttori di integratori per lo sport hanno rivisto notevolmente l'efficacia dei loro prodotti. Integratori per sportivi comuni che pretendono di essere 'agenti di recupero per il post workout' spesso contengono ingredienti denaturati, altamente trasformati, che formano acido ingredienti come il siero di latte e le caseine. Queste polveri sono molto acide perché i loro carboidrati e grassi sono stati rimossi, con il processo di isolamento ad alte temperature e con trattamenti chimici (scambio ionico) con la risultante di una proteina industriale con un pH (acido) significativamente inferiore a quello che aveva prima del trattamento. L'organismo deve lavorare di più per digerire proteine isolate che a sua volta ha un effetto acidificante per l'equilibrio del pH del corpo.

Le proteine e l'equilibrio acido base

Gli atleti, come raccomandato dale indicazioni per un sano stile di vita, dovrebbero assumere proteine di buona qualità mentre dovrebbero ridurre il consumo eccessivo di proteine che formano acido e per lo meno assumere e bilanciare la propria alimentazione con una base vegetale, ricca di clorofilla, antiossidanti, vitamine minerali alclaini, che sono tutti ingredienti essenziali per ciò che ricostruire nei muscoli, a partire dagli aminoacidi essenziali, proteine di qualità, che a loro volta, queste proteine di qualità fungono da tampone e creano equilibrio alcalino all'interno del vostro corpo.

Grandi fonti di questi ingredienti essenziali per una ottimale alcalinizzazione sono le proteine non raffinate, a base vegetale, ricche di antiossidanti, tutte le fonti naturali, quali la canapa (50% di proteine), spirulina (oltre il 60% di proteine), succo di erba medica prima ( contiene 21 vitamine e minerali) e riso crudo germogliato. Una dose giornaliera di uno o tutti questi proteine di alta qualità fornirà il corpo con i mattoni necessari per la rigenerazione (muscolare e la riparazione dei tessuti), per ridurre l'infiammazione, e mantenere un ambiente interno sano alcalino consentendo agli atleti di allenarsi più a lungo e più difficile.

Inoltre alcune proteine vegetali sono utili per la protezione contro le malattie degenerative croniche, sono a basso contenuto di grassi saturi, e promuovere un corpo in salute. Per ottenere risultati ottimali, queste proteine sono più consumati subito dopo l'allenamento per contrastare gli effetti acidificanti della formazione.

Il più grande consiglio che posso offrire agli atleti in formazione e coloro che sono alla ricerca di un equilibrio corpo migliore del pH è quello di consumare cibi alcalinizzanti. Così la prossima volta che si inizia a formare per quella mezza maratona o se volete aumentare il tempo di resistenza e di recupero, ricordatevi di scegliere proteine di qualità che aiutano il corpo a mantenere l'equilibrio alcalino per la crescita ottimale!

Articolo tratto da www.brendanbrazier.com sito di , Brendan Brazier è un triatleta professionista Ironman, autore di bestseller sulla nutrizione prestazioni.Egli è anche un due volte campione canadese 50 km Ultra Maratona.

integratori per sportivi alcalinizzanti integratori pral negativo

Integratori alcalini per l'equilibrio acido base

Gli integratori alimentari @GJAV sono definiti alcalinizzanti in quanto formulati con sole materie prime di orginine non animale, mediante l'impiego di una miscela di sali minerali alcalinizzanti (ph Alcalin) a base di sali minerali organici, citrai e bicarbonati di calcio, potassio e magnesio che

A seguito di integrazione di bicarbonatI e citrati si è osservato un decremento delle concentrazioni di lattato dopo esercizio fisico di tipo massimale.

L'assenza di derivati animali, di allergeni e l'impiego di aminoacidi essenziali supportanto un potere alcalinizzante specifico delle formulazioni caratterizzate da un PRAL negativo a tutto vantaggio dell'assorbimento degli ingredienti funzionali.

Equilibrio acido base: Bibliografia

  1. Vormann and T. Remer dietary, metabolic, physiologic, and disease-related aspects of acid-base balance: foreword to the contributions of the second international acid-base symposium the j of nutrition, 2008
  2. B. Dawson-Hughes et al alkaline diets favor lean tissue mass in older adults am j of clin nutr 2008; 87: 662-5
  3. L.Cordain,S.B. Eaton, A.Sebastian et al origins and evolution of the western diet: health implications for the 21th century am j of clin nutrition 2005; 81: 341-54
  4. S.Jehle et al partial neutralization of the acidogenic western diet with potassium citrate increases bone mas in postmenopausal women with osteo penia j am soc nephrol 17: 3213-3222, october 11, 2006
  5. L.Cordain the paleo diet (2002) jhon wiley & sons, inc new york